pannello Solare a circolazione forzata

L’installazione di un impianto solare può risultare semplice o complessa, a seconda delle caratteristiche dell’impianto e del sito scelto. In linea di massima, tutti i sistemi a circolazione forzata presentano una certa complessità impiantistica, che in fase di installazione richiede il lavoro di qualche giorno da parte di un’impresa specializzata. I piccoli impianti monoblocco a circolazione naturale richiedono invece un lavoro di qualche ora. Inoltre, se sistemati in giardino o terrazzo, possono essere installati direttamente dall’acquirente, con l’aiuto di un idraulico.
Un’attenta e periodica manutenzione allunga la vita utile dell’impianto ed evita spiacevoli sorprese.

I sistemi a circolazione naturale non hanno bisogno di manutenzioni complicate. Data la loro semplicità impiantistica, sono sufficienti pochi controlli periodici che ne verifichino il corretto funzionamento.

Gli inconvenienti più frequenti dei sistemi a circolazione naturale riguardano la perdita accidentale di liquido dal circuito primario e la formazione di bolle d’aria nel circuito. In questi casi, e per ogni altro inconveniente, è buona prassi rivolgersi a personale tecnico specializzato. Nei sistemi a circolazione forzata, le fasi di controllo e manutenzione periodiche vanno affidate a tecnici qualificati.

Qualche breve consiglio pratico di manutenzione, valido per qualsiasi tipo di impianto:

  • pulire la superficie del pannello dalla polvere almeno una volta l’anno;
  • sostituire il liquido antigelo ogni 4-6 anni;
  • coprire i pannelli in caso di rottura accidentale del vetro;
  • coprire i pannelli durante lunghe assenze, in particolare nella stagione estiva.
Panello solare a circolazione forzata

TABELLE PRODOTTI - SOLARE A CIRCOLAZIONE FORZATA

Elco

Elco

Ferroli

Logo Ferroli
Share by: